Come funziona e quali materiali si utilizzano?

Stampa 3D

La stampa 3D è un processo attraverso il quale un disegno pensato e realizzato in tre dimensioni diventa un oggetto reale. Attraverso un software, l’oggetto che verrà disegnato in 3D viene diviso e pensato in vari livelli, quindi il disegno viene stampato strato per strato attraverso una stampante 3D. Il termine tecnico per descrivere la stampa 3D è la produzione additiva, tuttavia, quasi tutti ormai utilizzano quasi esclusivamente il termine stampa 3D.

Spesso si sente parlare di tecnologia di stampa 3D in maniera molto generica e generale ma le tecnologie di stampa 3D sono diverse e tra loro molto diverse in base all’oggetto che vogliamo realizzare o all’utilizzo (personale o su larga scala) che ne vogliamo fare. Anche sui materiali solitamente c’è molta disinformazione, si crede infatti che l’unico materiale usato sia la plastica (o simile) mentre invece il materiale più diffuso è il metallo, ma si usano anche il legno, il cioccolato, il silicone e persino il cemento per costruire le case.

Scopri tutte le tecnologie esponenziali.

Tecnologie esponenziali

I vantaggi della Stampa 3D

Ai suoi inizi, la stampa 3D è stata immaginata e utilizzata per applicazioni mediche e industriali, come guide chirurgiche e prototipi di vario genere e natura, oggi, la stampa 3D viene utilizzata in tantissimi mercati diversi che vanno dai gioielli, alla moda, alle calzature, all’arte, all’architettura, alla meccanica, ai giocattoli e viene spesso usata anche nell’interior design.

La stampa 3D è una tecnologia esponenziale che porta con sé notevoli vantaggi, ad esempio in un momento storico in cui è fondamentale immettere sul mercato un nuovo prodotto il più velocemente possibile, una stampante 3D consente di testare il tutto in modo rapido ed economico, perfezionando il prodotto in poche ore e non più in settimane. La stampa 3D può anche essere utilizzata per produrre parti finali personalizzate di stock che non hanno un grande volume di produzione, offrendo una maggiore flessibilità anche alle aziende più piccole consentendo loro di accettare anche piccoli ordini di parti personalizzate senza i rischi legati alla produzione di un lotto troppo grande. In molti negozi stanno nascendo gli spazi per “stampare sul posto” e creare prodotti per il cliente mentre aspettano magari la consegna di qualcos’altro.

Scopri le ultime notizie sulla Stampa 3D

Vuoi scoprire le utilme notizie sulla Stampa 3D e le sue applicazioni?
Vai alla sezione dedicata di Impactscool Magazine!

Opportunità e rischi della Stampa 3D

Alcuni architetti iniziano ad utilizzare questa tecnologia per i propri clienti, spiegare concetti architettonici complessi può essere difficile, la stampa 3D rende visibili e tangibili idee complesse rendendole consultabili con facilità. I tempi di realizzazione dei modelli si restringono da mesi a giorni, e persino le geometrie complesse possono essere stampate, offrendo agli architetti una possibilità creativa ancora maggiore.
I modelli 3D sono sempre più usati anche nel settore medico in quanto possono rappresentare fisicamente alcuni tratti del corpo umano precedentemente scansionati, questo potrebbe aiutare i medici a identificare esattamente ciò che è necessario fare prima di eseguire una procedura chirurgica, traducendosi in meno tempo sotto anestetico per il paziente, e costi ridotti dell’operazione.

Alcuni limiti e/o urgenti riflessioni da fare sulla stampa 3D ad oggi riguardano sicuramente la proprietà intellettuale e il controllo qualità. Molti brevetti proteggono l’idea nella sua commercializzazione, ovvero, posso crearmi una sedia identica a quella che ho visto in TV ma non posso venderla a nessuno, quando tutti potranno permettersi una stampante 3D e saranno nelle condizioni di stampare una sedia a casa è ovvio che questa criticità sarà una questione da risolvere e da ripensare in chiave moderna. In chiave controllo qualità le questioni, se vogliamo, sono anche più urgenti. Ad oggi se invitassimo qualcuno a casa nostra per cena, nessuno si preoccuperebbe della stabilità o meno delle nostre sedie perché nelle fabbriche ci sono diversi step di controllo qualità, salvo casi eccezionali quindi la sedia è stabile, ma cosa succederebbe se ognuno realizzasse le sedie di casa propria in garage con una stampante 3D, chi effettuerebbe il controllo qualità? E se fosse un ristorante, un bar o un qualsiasi luogo aperto al pubblico?

Leggi anche qualcosa sull’intelligenza artificiale

La nostra Newsletter

Non perdere nemmeno una notizia e iscriviti alla nostra newsletter.
Ogni settimana news, approfondimenti e interviste!