La loro storia

Le criptovalute

Il 12 gennaio 2009, la blockchain di Bitcoin creata da Satoshi Nakamoto è stata creata con un primo scambio di 10 BTC (Bitcoin) che Satoshi Nakamoto (impactscool.com/tecnologieesponenziali/blockchain) ha inviato a un programmatore chiamato Hal Finney. Fu il primo scambio di criptovalute della storia.
Nell'aprile 2011, Satoshi era sparito, non scrisse mai più un post su nessun forum e tutto quello che rimase di lui fu il Bitcoin, la prima criptovaluta.

Scopri tutte le tecnologie esponenziali.

Tecnologie esponenziali

Cosa sono le Criptovalute

Ad oggi, novembre 2018, ci sono in circolazione più di 1800 criptovalute e per questo motivo non è facile trovare una definizione che vada bene per tutte, ma sicuramente queste crypto monete hanno in comune alcuni aspetti fondamentali che le rendono tali.
Le criptovalute sono:
Digitali: è denaro o moneta digitale, ciò significa che esiste solo nei computer o in alcuni siti internet che offrono un servizio di compra-vendita di queste criptovalute, spesso definiti Exchange.
Peer-to-Peer: le criptovalute passano da persona a persona, con scambi diretti e sempre online.
Globali: non esiste una criptovaluta per la Germania e un’altra per la Cina, una criptovaluta è la stessa in ogni paese e non ha restrizioni geografiche di nessuna natura.
Crittografate: non ci sono regole su chi può usare la criptovaluta, quante se ne possano tenere o per cosa possano essere usate. I nomi reali non vengono utilizzati per creare account, ad ogni utente viene dato un codice particolare che non è a lui riconducibile a meno che lui non lo renda pubblico, spesso viene detto, inafatti, che le criptovalute sono anonime ma in realtà sarebbe corretto dire che sono pseudonime.
Decentralizzate: nel mondo delle criptovalute, non ci sono banche o istituzioni che fungano da intermediari e garanti, ognuno è responsabile del proprio denaro. Quasi tutte le criptovalute non sono gestite da un server centrale o da un istituto che le eroga, per questo diciamo che sono decentralizzate.
Non hanno bisogno di fiducia: puoi scambiare valore economico anche con una persona che non conosci senza che ci sia la fiducia verso quella persona o un istituto che faccia da garante.

Scopri le ultime notizie sulle Criptovalute

Vuoi scoprire le utilme notizie sulle Criptovalute e le loro applicazioni?
Vai alla sezione dedicata di Impactscool Magazine!

La Criptovaluta più famosa: i Bitcoin

Quando è andato online per la prima volta nel 2009, Bitcoin valeva zero dollari e zero centesimi, ad aprile del 2011, potevi ottenere 1 Bitcoin per $ 1. Il 17 dicembre 2017, Bitcoin valeva $ 20.052. Dal 2011 al 2017, il continuo crescere di valore del Bitcoin ha reso famosa questa moneta digitale incoraggiando il trading e favorendo la nascita di altre monete digitali che oggi prendono il nome di Altcoin.

I Bitcoin sono una risorsa “finita” (se ne possono creare massimo 21 milioni) che viene generata risolvendo complessi calcoli crittografici, questi calcoli vengono risolti sfruttando la potenza del processore e acceleratore grafico di un computer. Questa operazione è detta mining.

I Bitcoin sono, quindi, generati dai così detti “miners”, persone che convalidano i dati di tantissime persone diverse aggiungendoli alla Blockchain e ricevono in cambio del loro lavoro questa moneta. I miners per convalidare i dati e ricevere il premio devono come detto risolvere alcuni enigmi complicatissimi e del tutto casuali, queste monete digitali, quindi, possono essere “minate” da chiunque sia disposto a dedicare potenza di calcolo alla risoluzione di questi quesiti complessi, ma è competitiva, nel senso che tutti i miners competono per convalidare il blocco di informazioni e ricevere in cambio bitcoin. Questo vuol dire che minare criptovalute non è sempre conveniente, le operazioni di calcolo diventano sempre più complesse e la loro risoluzione necessita di una capacità di calcolo sempre maggiore (e relativa energia elettrica), si corre il rischio di spendere molti soldi e rimanere con poco o nulla. Ci sono ovviamente strade alternative da percorrere: unirsi ad un gruppo di miner per aumentare esponenzialmente la capacità di calcolo o comprarli.

La nostra Newsletter

Non perdere nemmeno una notizia e iscriviti alla nostra newsletter.
Ogni settimana news, approfondimenti e interviste!

Nuove Criptovalute e rischi

Esistono due modi per creare una nuova criptovaluta: costruire una tua blockchain, in questo modo quella catena avrà la sua “moneta”, oppure usare NEO, Ethereum o una piattaforma simile per creare una nuova applicazione e questa avrà il suo “token”. Monete e token sono entrambe criptovalute, la differenza è: una moneta (coin) appartiene alla sua blockchain, mentre un token è costruito su una blockchain esistente, quindi, ci possono essere migliaia di token costruiti su una blockchain, mentre può esserci solo una moneta.

Ci sono ovviamente alcuni aspetti negativi molto importanti da tenere in considerazione:
Possono essere instabili: le valute Fiat non hanno bisogno di essere popolari per diffondersi liberamente in quanto sono supportate dal governo, per le criptovalute invece il discorso cambia, salgono di valore o scendono a seconda di quanto si diffondono e quindi della loro popolarità.
Se le perdi o perdi il supporto dove le hai salvate sono perse per sempre, non c’è nessun modo di recuperarle. Non possiamo telefonare a Bitcoin per lamentarci.
Ai criminali piace: se sei un criminale, questo probabilmente non è una brutta cosa, ma per il resto di noi – lo è perché inibisce tantissime persone dall’acquisto o dall’utilizzo, tornando al punto 1.

Seguici sui social